Come implementare Facebook Messenger in un sito web

Come implementare Facebook Messenger in un sito web Come implementare Facebook Messenger in un sito web 2

Facebook Messenger è un servizio di messaggistica istantanea che consente di comunicare con i propri contatti di Facebook e con altre persone tramite il numero di telefono o il codice QR.

Oltre a scambiare messaggi di testo, immagini, video, audio e adesivi, Facebook Messenger offre anche la possibilità di effettuare chiamate e videochiamate, creare chat di gruppo, inviare denaro, giocare, usare chatbot e molto altro.

FAI CRESCERE IL TUO SITO!

Come implementare Facebook Messenger in un sito web Logo desantis luca consulente seo sem 800 3

Luca De Santis
Consulente SEO SEM

COMPILA IL FORM PER MAGGIORI INFO

    Ma Facebook Messenger non è solo un’applicazione per smartphone e tablet: è anche possibile integrarlo nel proprio sito web, per offrire ai visitatori un canale di comunicazione diretto, personalizzato e interattivo con la propria azienda.

    In questo articolo vedremo come implementare Facebook Messenger in un sito web, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa soluzione e quali strumenti utilizzare per creare esperienze di messaggistica efficaci e coinvolgenti.

    Perché implementare Facebook Messenger in un sito web

    Uno dei motivi per cui conviene implementare Facebook Messenger in un sito web è che si può aumentare l’engagement con i visitatori, interagendo con loro in tempo reale e offrendo loro informazioni, assistenza, supporto, suggerimenti, promozioni e offerte personalizzate.

    Questo può creare una relazione di fiducia e di fidelizzazione con i potenziali clienti, e incrementare le possibilità di conversione e di vendita.

    Un altro motivo è che si può raggiungere un’ampia audience, sfruttando i più di 1,3 miliardi di utenti attivi al mese di Facebook Messenger, che potranno contattare la propria azienda direttamente dalla piattaforma di messaggistica, senza dover uscire dal sito o aprire altre applicazioni.

    Inoltre, le conversazioni avviate sul sito web verranno salvate su Facebook Messenger, consentendo di mantenere il contatto con i visitatori anche dopo che hanno lasciato il sito.

    Infine, un altro motivo è che si può semplificare la gestione delle comunicazioni, grazie alle funzionalità e agli strumenti offerti da Facebook Messenger, come la possibilità di usare chatbot, di integrare Facebook Messenger con altre applicazioni o servizi, e di monitorare le performance e le statistiche delle conversazioni.

    Come implementare Facebook Messenger in un sito web

    Usare il plugin per la chat di Facebook è il metodo più semplice e veloce per integrare Facebook Messenger nel proprio sito web.

    Si tratta di un widget che si può inserire in qualsiasi pagina del sito, e che consente ai visitatori di avviare una conversazione con la propria pagina Facebook direttamente dal sito, senza dover aprire Facebook Messenger.

    Il plugin per la chat di Facebook ha un aspetto simile a quello di Facebook Messenger, e offre le stesse funzionalità, come la possibilità di inviare e ricevere messaggi di testo, media, template strutturati e tanto altro.

    Per usare il plugin per la chat di Facebook, bisogna avere una pagina Facebook per la propria attività, e un account Meta for Developers, la piattaforma che consente di creare e gestire applicazioni per Facebook e Instagram.

    Inoltre, bisogna seguire alcuni passaggi per configurare l’app, il token, l’URL di callback e gli eventi da ricevere.

    Infine, bisogna personalizzare le impostazioni del plugin, come il colore, il saluto, il dominio del sito, ecc. e generare il codice da incollare nella pagina o nelle pagine del sito web in cui si vuole mostrare il plugin per la chat di Facebook.

    Usare un servizio di terze parti

    Un’alternativa al plugin per la chat di Facebook è usare un servizio di terze parti che facilita l’integrazione di Facebook Messenger nel proprio sito web, e che offre anche altre funzionalità, come la creazione di chatbot, l’integrazione di altri canali di messaggistica e l’analisi delle conversazioni.

    Tra i servizi di questo tipo, si possono citare:

    SendPulse, che permette di creare chatbot per Facebook Messenger e altri servizi di messaggistica, e che ha un piano gratuito fino a 10.000 messaggi al mese.

    Tidio, che permette di creare chatbot per il proprio sito web e di integrare Facebook Messenger e altri canali di comunicazione, e che ha un piano gratuito fino a 100 contatti,.

    ManyChat, che permette di creare chatbot per Facebook Messenger e Instagram, e che ha un piano gratuito fino a 1.000 contatti.

    Per usare uno di questi servizi, basta registrarsi al sito, collegare la propria pagina Facebook, creare il proprio chatbot e inserire il codice fornito dal servizio nel proprio sito web.

    Usare un framework di sviluppo

    Usare un framework di sviluppo significa sfruttare un insieme di strumenti e di librerie che facilitano la creazione e la gestione di applicazioni per Facebook Messenger, adattandole alle proprie esigenze e preferenze.

    Questa opzione richiede una buona conoscenza di programmazione e la scelta di un framework che supporti il linguaggio di programmazione desiderato, come JavaScript, Python, PHP, Ruby, ecc.

    Tra i framework di sviluppo più popolari per Facebook Messenger ci sono Botkit, Rasa e BotMan, che offrono una documentazione completa, degli esempi di codice e una community di supporto.

    Per usare uno di questi framework, bisogna avere una pagina Facebook per la propria attività, un account Meta for Developers, un server web e un ambiente di sviluppo adeguato.

    Inoltre, bisogna seguire alcuni passaggi per configurare l’app, il token, l’URL di callback e gli eventi da ricevere. Infine, bisogna creare il proprio chatbot, testarlo e apportare le modifiche necessarie.

    Come creare esperienze di messaggistica coinvolgenti

    Integrare Facebook Messenger nel proprio sito web non è sufficiente per creare esperienze di messaggistica coinvolgenti per i visitatori. Bisogna anche seguire alcune buone pratiche e consigli per rendere le conversazioni efficaci, personalizzate e interattive. Vediamone alcuni.

    Definire lo scopo e il pubblico del chatbot

    Prima di creare il proprio chatbot, bisogna definire qual è lo scopo e qual è il pubblico a cui si rivolge.

    Lo scopo può essere, per esempio, fornire informazioni, assistenza, supporto, vendere prodotti o servizi, inviare promozioni e offerte, ecc.

    Il pubblico può essere, per esempio, generico, specifico, locale, internazionale, ecc.

    In base allo scopo e al pubblico, bisogna scegliere il tono, lo stile, il linguaggio e il contenuto delle conversazioni, in modo da essere coerenti, pertinenti e adatti al contesto.

    Usare un saluto e una presentazione

    Usare un saluto e una presentazione è importante per creare una buona impressione con il proprio chatbot e per informare il visitatore sulle sue funzionalità e sul suo scopo.

    Si può iniziare la conversazione con una frase cordiale e accogliente, che includa il nome del chatbot, quello dell’azienda e il modo in cui il chatbot può aiutare il visitatore.

    Si può anche invitare il visitatore a fare una domanda o a scegliere una delle opzioni disponibili. Per esempio, si può scrivere:

    Ciao, sono [nome del chatbot], il chatbot di [nome dell’azienda]. Sono qui per aiutarti a [scopo del chatbot]. Come posso esserti utile?

    chat-bot-con-facebook-messenger-dentro-i-siti-web

    Usare domande e opzioni

    Per guidare il visitatore nella conversazione, bisogna usare domande e opzioni che lo aiutino a esprimere le sue richieste, le sue esigenze e le sue preferenze. Per esempio, si può scrivere:

    • Cosa ti interessa di più? [Opzione 1] [Opzione 2] [Opzione 3]
    • Qual è il tuo obiettivo? [Opzione 1] [Opzione 2] [Opzione 3]
    • Come posso aiutarti? [Opzione 1] [Opzione 2] [Opzione 3]

    Usare template strutturati

    Usare template strutturati significa sfruttare elementi grafici che consentono di mostrare informazioni, immagini, pulsanti, link, ecc. in modo strutturato e ordinato.

    Questo rende le conversazioni più visive e interattive, e aiuta il visitatore a capire meglio il messaggio e a scegliere la risposta più adatta. Facebook Messenger offre diversi tipi di template strutturati, che si adattano a vari scopi e contenuti.

    Per esempio, si può usare un template che mostra una o più schede con un’immagine, un titolo, una descrizione e dei pulsanti per mostrare i prodotti o i servizi offerti.

    Oppure, si può usare un template che mostra un testo e uno o più pulsanti per mostrare le opzioni disponibili. Oppure ancora, si può usare un template che mostra un’immagine o un video e uno o più pulsanti per mostrare un’immagine o un video rilevanti.

    Infine, si può usare un template che mostra una lista di elementi con un’immagine, un titolo, una descrizione e dei pulsanti per mostrare una lista di articoli o di risorse.

    Usare messaggi brevi e chiari

    Per rendere le conversazioni più leggibili e comprensibili, bisogna usare messaggi brevi e chiari, che esprimano un solo concetto o una sola informazione per volta, che usino un linguaggio semplice e diretto, che evitino errori grammaticali e ortografici, che usino punteggiatura e maiuscole correttamente, che usino emoji e adesivi con moderazione e solo se appropriati al contesto.

    Usare feedback e conferme

    Per rendere le conversazioni più fluide e sicure, bisogna usare feedback e conferme, che indichino al visitatore che il chatbot ha ricevuto e compreso il suo messaggio, che gli chiedano di confermare le sue scelte o le sue azioni, che gli comunichino lo stato e il risultato delle sue richieste. Per esempio, si può scrivere:

    • Ho capito, stai cercando [richiesta del visitatore]. Lasciami un attimo che cerco per te.
    • Confermi di voler acquistare [prodotto o servizio scelto]? Clicca su Sì per procedere al pagamento, o su No per annullare.
    • Congratulazioni, il tuo ordine è stato completato con successo! Riceverai una email di conferma con i dettagli.

    Usare fallback e riparazioni

    Per rendere le conversazioni più robuste e resilienti, bisogna usare fallback e riparazioni, che gestiscano le situazioni in cui il chatbot non è in grado di capire o di soddisfare il messaggio del visitatore, che gli chiedano di ripetere o di riformulare il suo messaggio, che gli offrano delle alternative o dei suggerimenti, che gli indirizzino verso un canale di comunicazione alternativo o verso un operatore umano. Per esempio, si può scrivere:

    • Mi dispiace, non ho capito il tuo messaggio. Puoi ripeterlo usando parole diverse?
    • Mi dispiace, non posso aiutarti con questa richiesta. Puoi scegliere una delle opzioni che ti ho mostrato prima, o scrivere una nuova richiesta.
    • Mi dispiace, non riesco a risolvere il tuo problema. Vuoi parlare con un operatore umano? Clicca su Sì per essere messo in contatto, o su No per continuare con me.

    Conclusioni

    In questo articolo abbiamo visto come implementare Facebook Messenger in un sito web, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa soluzione e quali strumenti utilizzare per creare esperienze di messaggistica efficaci e coinvolgenti.

    Speriamo che questo articolo ti sia stato utile e ti abbia dato delle idee per integrare Facebook Messenger nel tuo sito web e per comunicare con i tuoi visitatori in modo diretto, personalizzato e interattivo.

    Torna in alto