SEO Copywriting: guida all’ottimizzazione di un articolo per il web

seo-copywriting

Cos’è la SEO copywriting?

La SEO copywriting è quell’attività che riguarda la realizzazione di testi formattati secondo delle regole e ottimizzati per parole chiave specifiche al fine di ottenere un migliore posizionamento sui motori di ricerca. Questa attività utile per fare cresere il traffico di un sito, unisce quindi le caratteristiche del copywriting per l’ambito cartaceo a quelle della scrittura per il web.

FAI CRESCERE IL TUO SITO!

SEO Copywriting: guida all’ottimizzazione di un articolo per il web Logo desantis luca consulente seo sem 800 1

Luca De Santis
Consulente SEO SEM

COMPILA IL FORM PER MAGGIORI INFO

    La SEO copywriting è utile per i siti, i blog e gli e-commerce. I professionisti del settore scrivono testi informativi, persuasivi e ottimizzati per i motori di ricerca. Pertanto, aiutano le aziende a pubblicare contenuti che garantiscono una maggiore visibilità online e che possono favorire un aumento della clientela. Hai anche tu un sito, un blog e/o un e-commerce? Se hai risposto di sì, allora dovresti sapere come eseguire l’ottimizzazione di un articolo per il web.

    Tutto parte dalla scrittura di qualità

    Prima di parlare di regole, tecniche e indicazioni, ci tengo a dirti una cosa: non dimenticare che i testi che pubblichi online devono essere innanzitutto di qualità. Non sacrificare mai la qualità dei contenuti per esagerare con l’utilizzo delle tecniche SEO. Questo non gioverebbe al tuo sito, allontanerebbe i potenziali clienti e non convincerebbe Google. Pertanto, ricorda che i contenuti pubblicati sulle tue pagine web devono sempre essere:

    • Ricchi di informazioni utili all’utente.
    • Qualitativi e di valore.
    • Personalizzati per il pubblico di riferimento (per il tono di voce, nella scelta dei termini e del linguaggio, etc.)
    • Leggibili e scorrevoli.
    • Non troppo carichi di parole chiave (questo comprometterebbe la leggibilità e la qualità del testo).

    Seguendo queste indicazioni e usando le tecniche della SEO copywriting, potrai scrivere dei testi idonei ad ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca e che saranno apprezzati dagli utenti.

    Le parole chiave per l’ottimizzazione di un articolo per il web

    Quando si necessita di scrivere un articolo per il web, che possa ben posizionarsi sulle pagine dei risultati delle ricerche, è importante usare le parole chiave. Bisogna scegliere una keyword principale e una o più parole chiave secondarie riguardanti l’argomento trattato nel testo. Per trovare quelle giuste puoi semplicemente considerare il tema trattato. Ad esempio, nel caso di questo articolo, SEO copywriting è la keyword principale.

    Per trovare altre keywords correlate (da usare come secondarie o durante la scrittura di altri articoli), potrai sfruttare programmi online come SeoZoom.

    seo-copywriting-seo-zoom

    Sono validi alleati anche lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads e Ubersuggest. Puoi anche utilizzare la barra della ricerca di Google: tu inserisci la parola chiave e sotto ti appariranno altre parole o frasi correlate cercate dagli utenti.

    è uno strumento gratuito che ti permette di trovare e analizzare le parole chiave più adatte per il tuo sito web, per la tua campagna pubblicitaria o per il tuo contenuto.

    Google Keyword Planner

    SEO Copywriting: guida all’ottimizzazione di un articolo per il web google 2

    Puoi usarlo per ottimizzare il tuo sito web, trovare nuovi argomenti per il tuo blog, o scoprire le tendenze di ricerca degli utenti.è gratuito per un uso limitato, ma offre anche funzionalità avanzate a pagamento, a partire da 29 dollari al mese

     Ubersuggest

    SEO Copywriting: guida all’ottimizzazione di un articolo per il web Ubersuggest 3

    Scrittura del contenuto:

    si tratta di scrivere il tuo articolo in modo che sia originale, informativo, coinvolgente e persuasivo. Devi usare un linguaggio semplice, diretto e adatto al tuo pubblico. Devi anche usare le parole chiave in modo naturale e contestuale, senza esagerare o forzare la loro presenza. Infine, devi usare elementi visivi (immagini, video, grafici, ecc.) per rendere il tuo articolo più attraente e comprensibile.

    struttura dell’articolo

    si tratta di organizzare il tuo articolo in modo che sia chiaro, logico e facile da leggere. Puoi usare la formula AIDA (Attention, Interest, Desire, Action) per creare una struttura efficace. Inoltre, devi usare i tag HTML (H1, H2, H3, ecc.) per suddividere il tuo articolo in sezioni e sottosezioni, e inserire le parole chiave nei titoli e nei sottotitoli.

    L’inserimento delle keywords nel testo e non solo

    L’inserimento delle keywords nel testo è una pratica fondamentale per il SEO copywriting, ovvero la scrittura di contenuti ottimizzati per i motori di ricerca e per gli utenti. Le keywords sono le parole o le frasi che gli utenti digitano su Google per trovare informazioni, prodotti o servizi relativi al tuo argomento. Inserire le keywords nel testo significa usare queste parole in modo naturale e contestuale, senza forzature o ripetizioni eccessive, per rendere il tuo contenuto rilevante e pertinente.

    Ma le keywords non vanno inserite solo nel testo, ma anche in altri elementi della pagina web, come:

    • Il tag title: è il titolo che appare nella scheda del browser e nei risultati di ricerca. Deve contenere la keyword principale e il nome del tuo sito o del tuo brand, separati da un trattino o da una barra.
    • La meta description: è la descrizione che appare sotto il titolo nei risultati di ricerca. Deve contenere la keyword principale e un breve riassunto del contenuto, con un invito all’azione che stimoli il clic.
    • L’URL: è l’indirizzo della pagina web. Deve essere breve, semplice e contenere la keyword principale, separata da trattini.
    • Le immagini: sono elementi visivi che arricchiscono il tuo contenuto e lo rendono più attraente. Devi inserire le keywords nel nome del file, nel titolo e nel tag alt, che è il testo alternativo che appare quando l’immagine non si carica. Il tag alt deve descrivere il contenuto dell’immagine e contenere la keyword principale.

    Una volta trovate le parole sarà importante inserire quella principale nell’URL e nel titolo dell’articolo, nel primo paragrafo e in uno o più sottotitoli (tutto dipende dalla lunghezza del contenuto). Dovrai poi usare la keyword nel corpo del testo, alternandola con quelle secondarie, e nella parte finale.

    Chiaramente, come detto in precedenza, durante le attività di SEO copywriting non bisogna esagerare con l’uso delle parole chiave. Per effettuare una corretta ottimizzazione di un articolo per il web è infatti necessario cercare di inserirle nel modo più naturale possibile. Se usi WordPress, per aiutarti ad ottimizzare i testi puoi fruire di plugin come Yoast SEO e RankMath. Entrambi potranno analizzare l’articolo in tempo reale, dirti se è correttamente ottimizzato e se risulta necessario eseguire dei miglioramenti.

    SEO Copywriting: guida all’ottimizzazione di un articolo per il web Migliori plugin SEO per WordPress RankMath Yoast SEO 4

    SEO copywriting: l’importanza delle immagini

    Quando si tratta di ottimizzazione non sono solo le parole a fare la differenza: anche le immagini hanno il loro valore. Potrai accorgerti di questo proprio usando i plugin SEO. Infatti, la maggior parte delle volte, non appena viene aggiunta l’immagine il punteggio relativo all’ottimizzazione aumenta. Oltre che essere rilevanti per Google, i contenuti visivi catturano l’attenzione e spesso aiutano l’utente a ricordarsi di un determinato testo, brand o prodotto.

    Pertanto, scegli le immagini con cura: devono essere qualitative e ben fatte, adatte al contesto e non troppo “pesanti”. La pesantezza delle immagini può rallentare il caricamento delle pagine web e questo è un fattore che gioca a sfavore del tuo posizionamento tra i risultati dei motori di ricerca. Per ottimizzare i risultati delle tue attività di SEO copywriting puoi usare strumenti come TinyPng: questo tool online comprime le immagini rendendole idonee per le tue pagine web.

    Come-ottimizzare-le-immagini-per-il-web-tiny

    La call to action

    La call to action “chiamata all’azione”si tratta di inserire una frase o un pulsante che inviti il lettore a compiere un’azione desiderata, come acquistare un prodotto, iscriversi a una newsletter, scaricare un ebook, ecc. La call to action deve essere chiara, immediata, evidente e vantaggiosa per il lettore. Devi usare un verbo all’imperativo, un colore che contrasti con lo sfondo, una posizione strategica e un senso di urgenza o di scarsità.

    La call to action non serve a Google (anche se può aiutare un utente a rimanere di più sul tuo sito), ma sicuramente servirà a te! Perciò, dopo aver concluso le operazioni di scrittura e ottimizzazione di un articolo per il web, non dimenticare di aggiungere una frase finale. Questa dovrà invitare l’utente a compiere un’azione a tuo e a suo favore.

    • Iscriversi alla newsletter.
    • Lasciare un contatto o un commento.
    • Condividere.
    • Andare a scaricare un contenuto presente su un’altra pagina.
    • Contattarti.
    • Etc.

    Le impostazioni SEO per concludere la tua attività di SEO copywriting

    Infine, prima di procedere alla pubblicazione, non dimenticare di completare le impostazioni SEO richieste dal plugin per l’ottimizzazione di un articolo per il web. Oltre all’inserimento della keyword per l’analisi del testo, sarà importante inserire il titolo e una breve descrizione dell’articolo. All’interno di entrambe le sezioni dovrà essere presente la parola chiave principale.

    Ecco alcune azioni che puoi considerare per concludere la tua attività di SEO copywriting:

    1. Ottimizzazione Meta Tags: sono informazioni incorporate nel codice HTML di una pagina web e forniscono indicazioni ai motori di ricerca su cosa aspettarsi da quella pagina.
      • Assicurati di aver ottimizzato i titoli (tag H1), le meta descrizioni e gli altri tag header all’interno del tuo contenuto. Utilizza parole chiave rilevanti e crea descrizioni accattivanti che incoraggino il clic.
    2. URL Ottimizzato:
      • Controlla che gli URL delle tue pagine siano strutturati in modo chiaro e contengano parole chiave pertinenti. Evita URL lunghi e poco comprensibili.
    3. Testo Alternativo per le Immagini (Alt Text):
      • Assegna testi alternativi descrittivi (alt text) alle immagini per migliorare l’accessibilità e fornire informazioni ai motori di ricerca.
    4. Struttura del Contenuto:
      • Mantieni una struttura di contenuto chiara con l’uso di intestazioni (H1, H2, ecc.). Questo aiuta i motori di ricerca a comprendere la gerarchia del tuo contenuto.
    5. Link Interni:
      • Utilizza link interni per collegare il tuo nuovo contenuto a pagine correlate all’interno del tuo sito web. Ciò può contribuire a distribuire l’autorità e a migliorare la navigazione.
    6. Mobile Friendliness:
      • Verifica che il tuo sito sia ottimizzato per dispositivi mobili. La mobile friendliness è un fattore importante nei ranking dei motori di ricerca.
    7. Velocità di Caricamento della Pagina:
      • Ottimizza la velocità di caricamento della pagina. Riduci le dimensioni delle immagini, sfrutta la memorizzazione nella cache e considera l’utilizzo di un servizio di Content Delivery Network (CDN) se necessario.
    8. Schema Markup:
      • Implementa lo schema markup per fornire informazioni strutturate ai motori di ricerca, migliorando la comprensione del tuo contenuto.
    9. Monitoraggio e Analisi:
      • Utilizza strumenti analitici, come Google Analytics, per monitorare le performance del tuo contenuto. Analizza i dati per capire come gli utenti interagiscono con la tua pagina.
    10. Sitemap XML:
      • Assicurati che il tuo sito abbia una sitemap XML aggiornata. Questo aiuta i motori di ricerca a indicizzare il tuo contenuto più efficacemente.
    11. Condivisione e Promozione:
      • Promuovi il tuo contenuto attraverso i canali sociali e altre piattaforme di promozione online. La condivisione può aumentare la visibilità e attirare ulteriori link.

    Ricorda che l’ottimizzazione SEO è un processo continuo. Monitora costantemente le performance, rimani aggiornato sulle tendenze di SEO e fai eventuali aggiornamenti o ottimizzazioni in base ai cambiamenti nel panorama digitale.

    Vuoi un supporto per le tue attività di SEO copywriting? Contattami al più presto e insieme potremo elaborare un piano editoriale e realizzare testi perfetti per il tuo blog, sito web e/o e-commerce. Ti aiuterò ad ottenere un miglior posizionamento e una maggiore visibilità online.

    Torna in alto